una giornata di pioggia e un orzotto alla zucca

Posted: 10 novembre 2017

Una giornata di pioggia e un orzotto alla zucca. Una domenica per essere precisi. Una domenica che abbiamo trascorso divisi, lui tra calcio e lavoro, io in totale relax. Ma poi il bello di convivere è che si rientra nella stessa casa, ci si accoccola sullo stesso divano, si cerca calore negli stessi piatti. E allora…cooking time, con una candela accesa e una playlist di Spotify ad hoc.

Come questa ricetta, gustosa e aromatica, sicuramente adatta a questa stagione.

L’orzo

L’orzo è un cereale che contiene glutine, consigliato da Ippocrate per lenire molti mali. E’ particolarmente indicato in caso di gastrite e colite e nel caso di secrezione acida, la ricchezza in fosforo e altri sali minerali lo rendono un remineralizzante osseo e la presenza di fibre fanno in modo che l’effetto saziante sia elevato.

La ricetta del mio orzotto alla zucca

cosa serve (per 2 persone)

  • 140 g di orzo perlato
  • 300 g di polpa di zucca cotta
  • un cucchiaino scarso di curcuma oppure zafferano
  • un rametto di rosmarino
  • 1,5 litri d’acqua bollente o brodo vegetale
  • una noce di ghee (per la mantecatura)

come si fa

In una pentola fare bollire circa 1,5 litri di acqua aggiungendo un cucchiaino di brodo vegetale granulare biologico (oppure preparare un brodo vegetale). In una casseruola mettere l’orzo, lasciarlo tostare un paio di minuti e coprire il tutto con il brodo vegetale, quindi continuare a mescolare e ad aggiungere il brodo quando inizia ad asciugarsi. La cottura prevista è di circa 20-25 minuti: a metà cottura aggiungete un cucchiaino di curcuma o zafferano, la polpa di zucca schiacciata con una forchetta e aghi di rosmarino . A cottura ultimata aggiungere una noce di ghee e far mantecare per 5 minuti a fiamma spenta.

Servire caldo con un trito di rosmarino.

Il consiglio in più: potete prepararlo in anticipo e scaldarlo al momento opportuno aggiungendo dell’acqua calda. Meglio ancora se avete una pentola in terracotta, perché permette di mantenere la cottura.

Vi piace?

F.

No Comments

Leave a Reply