Benvenuta primavera!

Posted: 21 marzo 2018

Aaah, sarà la primavera!
Le giornate più luminose, le temperature più miti, i giri in bicicletta, la natura che si risveglia: la primavera è alle porte!

Questa stagione di mezzo è croce e delizia di molti: da una parte la bellezza di poter ritornare a godere di un clima gradevole, di alleggerire l’armadio e di poter rivedere i fiori e le prime fragole; dall’altra i malesseri che spesso la primavera porta con sè. I più diffusi sono la stanchezza e la difficoltà a sostenere i ritmi della giornata, poca concentrazione sul lavoro, mal di testa e mente annebbiata, alterazioni gastrointestinali come stitichezza, sonno disturbato e irritabilità accompagnata da sbalzi d’umore.

Per uscirne indenni e marciare a passi sicuri verso l’estate, ci possiamo aiutare grazie a un’alimentazione corretta e di stagione.

Non è un caso se la natura, la vera natura, ci viene incontro donandoci verdure e frutti vitaminici, disintossicanti e diuretici: diamo un’occhiata a quello che ci offrono i nostri orti!

Come combattere il cambio di stagione?

Uno: alleggerire

Ridurre le proteine di origine animale, in particolare i tagli più grassi di carne, prediligendo carni bianche. Dal pescivendolo puntare sul pesce azzurro stagionale come lo sgombro oppure spigola, pagello e gallinella, tutti pesci di stagione. Evitare anche le cotture lunghe ed elaborate tipiche della stagione invernale: brasati, spezzatini, cotture in umido tenetele per i giorni più freddi.Tenere quindi una dieta basata prevalentemente su cereali integrali, legumi e verdura e frutta di stagione.

Due: depurare

La primavera è la stagione della rinascita ed è il momento di depurare il fegato. E’ possibile farlo grazie alle erbe amare, che favoriscono il drenaggio epatico e renale: tarassaco, prezzemolo,  rucola, ortica e cicoria. Ottime anche altre verdure amare come carciofi, asparagi e la catalogna, che hanno anche fibre solubili che aiutano a regolare l’assorbimento di grassi e zuccheri. Questa è la stagione per usare queste verdure il più possibile, in insalate, saltate in padella o per arricchire un primo piatto. Ottime anche le centrifughe e gli estratti di queste verdure

 

Tre: legumi freschi

Ovvero fave e piselli. Sono ottime fonti proteiche di origine vegetale e questo è il momento di lasciare loro la scena: acquistateli freschi, puliteli, lessateli e consumateli come più vi piacciono in un’insalata, come vellutata, in abbinamento a un primo piatto. Uno dei miei piatti preferiti primaverile sono gli spaghetti integrali con carciofi e piselli freschi. Attenzione a questi alimenti se soffrite di favismo, ovvero del deficit dell’enzima G6PD.

Quattro: carico di vitamina C

Non solo in inverno, ma anche in questa stagione per far fronte alla stanchezza. Infatti la vitamina C aiuta il nostro organismo ad assorbire il ferro, minerale prezioso per contrastare la stanchezza e l’apatia stagionale. La troviamo negli agrumi, nelle fragole, nei kiwi e in tutti gli ortaggi a foglia verde.

Cinque: triptofano e melatonina

Per aiutarci con il buonumore e garantirci un buon sonno è utile arricchire le tavole di triptofano, un neurotrasmettitore che è precursore non solo della serotonina (l’ormone della felicità!), ma anche della melatonina, l’ormone del sonno. Le principali fonti di triptofano sono i cereali integrali, in particolare quelli in chicco come orzo, farro, ma anche quinoa, miglio e riso semintegrale o venere. Si possono usare questi cereali per creare dei magnifici piatti unici: insalata d’orzo con asparagi, fragole e piselli freschi; quinoa con dadini di carote e sgombro fresco; miglio con pesto di spinaci e scaglie di parmigiano. Se avete problemi ad addormentarvi provate a prendere mezzo bicchiere di latte prima di andare a dormire.

Sei: acqua per la pelle

E’ fondamentale tenere l’idratazione alta, bevendo acqua, infusi e tisane alle erbe: la nostra pelle ci ringrazierà!

Sette: curiamo lo stomaco

Nei cambi di stagione non è insolito avere problemi digestivi: lo stomaco tende a diminuire la sua funzionalità in questa stagione, dando pesantezza digestiva, reflusso o acidità. E’ quindi opportuno limitare i prodotti acidi come agrumi, caffè, tè forte, pomodoro e cioccolato; prediligendo la verdura cruda a inizio pasto per stimolare la digestione.

Attenzione a chi soffre di allergie stagionali!

Le allergie inalatorie (graminacee, betulacee, composite…) portano a liberare una grossa dose di istamina, una sostanza che il nostro corpo produce proprio in risposta alla presenza di un allergene e che scatena la reazione allergica. Anche alcuni alimenti sono mediatori di questa sostanza e potrebbero potenzialmente peggiorare la sintomatologia allergica. Per chi soffre di allergie stagionali è dunque consigliato di evitare gli alimenti ricchi di istamina o che liberano istamina: formaggi stagionati, salumi, pesce in scatola, frutti di mare, crauti, pomodori, melanzane, spinaci, aceto, cioccolato, fragole, ananas, funghi, noci e alcolici (in particolare spumante e vino rosso). 

Vi auguro una buona primavera!

Un uomo può uccidere un fiore, due fiori, tre… Ma non può fermare la primavera.

(Mahatma Gandhi)

F.

No Comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: